Mantenuta in parte

10. La “sovranità alimentare”